Un sabato di sole che ha portato folle oceaniche

Un sabato ricchissimo di eventi e una Rovigo illuminata da un sole splendente hanno reso grandiosa anche la terza giornata del Festival più arancione della primavera. Gli eventi per i bambini sono partiti alla grande con il laboratorio Il caleidoscopio delle meraviglie al Ridotto del Teatro Sociale. Dieci bambini hanno costruito e decorato un caleidoscopio con cartone, perline, brillantini e adesivi, prima di entrare in una stanza buia e diventare loro stessi parte di un coloratissimo caleidoscopio. Alla fine dell’esperienza che li ha lasciati a bocca aperta, tutti i bimbi sono corsi a fare un salto a palazzo Nagliati per avere un palloncino salterino arancione. Non solo i bimbi, anche moltissimi adulti hanno partecipato a queste iniziative con lo stesso entusiasmo, movimentando piazza Garibaldi. Nel frattempo i giardini pubblici di piazza Matteotti sono stati invasi da una folla di bimbi che hanno partecipato a tutte le attività: la casa degli gnomi, l’angolo della scienza e, soprattutto, l’attesissimo incontro con Geronimo Stilton, il topo più famoso del mondo, che ha firmato autografi e scattato foto con tutti i suoi fan. Per i genitori c’è stata la presentazione del libro di Alberto Pellai Il metodo famiglia felice (De Agostini), guida indispensabile per il benessere di tutta la famiglia.

In centro, invece, ci sono stati moltissimi incontri per tutti i gusti: Riccardo Falcinelli, Marco Cappato, Pietro Ichino, Marco Marsullo, Luigi Maieron, Gian Mario Villalta, Lorenzo Marone e Grazia Verasani. Tutti partecipatissimi e affollati, hanno ravvivato la città con pensieri, riflessioni, sorrisi e gioia. In piazza Merlin, tra gli alberi c’è una riproduzione in scala di un tempio indiano, dove Vasandhi ha accolto piccoli gruppi di persone per raccontare loro la sua storia emozionante.

Alle 19 in piazza Vittorio Emanuele una folla trepidante ha aspettato l’arrivo di Francesco Guccini e Loriano Macchiavelli, che hanno presentato il loro ultimo romanzo Tempo da elfi (Giunti), facendo ridere tutti con simpatiche gag e i loro racconti sull’Appennino. La serata in piazza è poi proseguita con Silvio Muccino che ha presentato il libro Quando eravamo eroi (La nave di Teseo) e ha firmato autografi e scattato foto per oltre un’ora. Terminati gli incontri in piazza, la notte di Rovigoracconta ha affollato le strade riempite di musica, regalando divertimento a tutti.

Per l’ultima giornata di Festival arriveranno altrettanti ospiti e continueranno gli appuntamenti per i bambini e le famiglie. Ci saranno anche oggi il tempio di Vasandhi e il divano della poesia e, alle 17 in Piazza Annonaria, l’evento Cibottiana, omaggio a Gian Antonio Cibotto. E poi ancora, tra gli altri: Enrico Galiano, Rosella Postorino, Gianluigi Nuzzi, Alessandro Milan, Tim Parks, Matteo Bussola A concludere il Festival sarà Fabio Genovesi, con il suo monologo inedito I canti della tv rotta, alle 19 in piazza Vittorio Emanuele II.